Google acquista link e post sponsorizzati per spingere Chrome?


Ogni SEO che si rispetti conosce uno dei punti fermi tra le norme di Google: no alla compravendita di link in rete, condizione riportata tra le linee guida del motore di ricerca.

Ma un test i cui risultati sono pubblicati stamane su Search Engine Land mostra come siano oltre 400 i risultati alla ricerca “This post in sponsored by Google“, con particolare riferimento al browser Chrome.

Google si auto promuove 1

Sembra dunque che Google sostenga campagne di post sponsorizzati e link pagati per spingere, di fatto, il proprio browser sul suo stesso motore di ricerca, violando di fatto le sue linee guida. Una situazione a dir poco equivoca, soprattutto perchè lo stesso Matt Cuts, il volto di Big G, sostiene fermamente l’importanza di utilizzare link nofollow all’interno di post sponsorizzati; non come avviene qui, tanto per intenderci:

Google si auto promuove 2

Il link che vedete attivo in questa pagina conduce direttamente al download di Chrome, senza nofollow. Anche il video conduce alla pagine che permette di scaricare il browser e non è collegato a servizi di video-sharing come YouTube, ma anch’esso fa parte di una campagna di sponsorizzazione targata Google, come dimostrato dalla dicitura in basso a destra della pagina.

E pensare che a Mountain View l’argomento della compravendita di link era stata al centro dell’attenzione lo scorso anno, quando divers (e celebri) erano state le penalizzazioni o le condanne nei confronti di marchi come JC Penney o Forbes.

Nel suo post su Search Engine Land, l’autore Danny Sullivan scrive un passaggio importante: “Google paga per produrre un sacco di immondizia, la stessa che il suo Panda Update è stato progettato per penalizzare”.

Anche cercando “Review: Google Chrome” e dunque andando a caccia di recensioni sul browser, spuntano risultati che parlano dei “benefits” di questo prodotto sviluppato a Mountain View, con riferimento a chiari post sponsorizzati con link attivi. Due dei primi dieci risultati parlano di benefici, il loro effetto su potenziali nuovi utenti è evidente.

Google si auto promuove 3

Anche il New York Times ha pubblicato un articolo recente in cui si parla proprio dell’auto-promozione selvaggia di Google, in particolare per promuovere Chrome.

La questione è intricata e controversa: è giusto che Google si sponsorizzi in questo modo, col rischio di violare le norme che esso stesso impone?

Qual è il vostro pensiero?

Scritto il



Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su SEO Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave