Google accelera i tempi col progetto SPDY


SPDY

A distanza di due anni dall’annuncio di SPDY – un’applicazione a livello di protocollo per il trasporto di contenuti web, che Google ha creato con l’intento di ridurre il caricamento delle pagine web e che intende promuovere come alternativa all’HTTP – oggi Google ha annunciato sul suo blog “Google Code” di voler accelerare i tempi di sviluppo del progetto.

Dopo aver infatti ottenuto risultati positivi con gli utenti di Chrome, di recente anche gli sviluppatori di Firefox hanno aggiunto al browser il supporto SPDY. Ciò vuol dire che in breve tempo un altissimo numero di utenti, praticamente la metà sul mercato, potrà usufruire del supporto e potrà godere dei vantaggi derivanti da tale funzionalità.

Non solo Firefox, comunque. Aziende come Strangeloop, Amazon e Cotendo sono passate dalla parte di SPDY, mentre sul lato server Nginx ha annunciato l’intenzione di implementare SPDY. E Google ha comunicato proprio oggi di essere al lavoro su un modulo Apache dal nome mod-spdy.

In questo documento Big G ha evidenziato i punti salienti del progetto SPDY, che mira ad aiutare gli sviluppatori nel rendere più veloci i propri siti web.

Se volete approfondire l’argomento SPDY, potete guardare questo video e consultare anche il materiale messo a disposizione da Google.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su SEO Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave