L’accordo mancato tra Google e gli Editori Francesi


Google-France

Se accordo doveva essere, accordo non è stato. Tra Google e gli editori francesi. Che al gigante americano chiedono di essere pagati, per i contenuti indicizzati. In Google News e in generale.

“Chi fa profitto distribuendo contenuti, deve contribuire a finanziarne la creazione”, aveva detto a Novembre Aurélie Filippetti, di professione Ministro. La storia l’aveva raccontata Andrea Pernici.

Il noto quotidiano francese Le Monde è tornato di recente sulla vicenda. Lo ha fatto, parlando di un presunto accordo raggiunto tra le parti: Google e gli editori, appunto. Immaginatevi il tavolo. A sinistra Jean-Marc Tassetto, il direttore di Google France. Opposti a lui, Marc Feuillée del Syndicat de la Presse Quotidienne Nationale (SPQN) e Nathalie Collin dell’Association de la Presse d’Information Politique et Générale (IPG).

Si diceva avessero trovato l’idea comune, la strada da condividere. La cifra equa, più che altro. Ovvero 50 milioni di euro, distribuiti su tre livelli:

  • l’acquisto, da parte di Google, di spazi pubblicitari su cartacei e siti web degli editori chiamati in causa
  • una collaborazione commerciale tra editori e motori di ricerca
  • la disponibilità, per gli editori, a utilizzare AdSense, con garanzia di fatturato minimo da parte di Big G

Poco, troppo poco, per il versante transalpino. Offerta rimandata indietro, rispedita al mittente.

“Non so se c’è una intenzione, anche minima, di andare incontro a Google”, è stato comunicato direttamente dal tavolo dei negoziati. Il 17 Gennaio scorso. Anche François Hollande, il Presidente della Repubblica francese, si è espresso in favore dei suoi editori. “Ci sono trattative in corso, se questi non andranno a buon fine, sarà necessario disporre nuove leggi da introdurre”, ha detto.

La contro-proposta gira attorno ad un reddito annuo compreso tra 70 e 100 milioni di euro. Perché di quei 50 offerti, Google garantirebbe in realtà solamente la prima parte. Quella degli accordi pubblicitari, per intenderci.

È una lotta che continua ad avere poco senso. Nessun senso.

Gli editori producono contenuti, per mestiere. Google li indicizza, per mestiere. Garantendo, di fatto, visibilità e traffico online alle stesse testate giornalistiche. Se Google li ‘cacciasse via’ dalle SERP e da Google News, ben pochi (e stolti) editori gioirebbero. Statene certi.

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su SEO Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave