Matt Cutts anticipa aggiornamenti e penalizzazioni dell’estate 2013


“Gli aggiornamenti avranno un impatto forte per quelle ricerche che sono tradizionalmente ricche di SPAM, ad esempio quelle a tema pornografico. Stiamo lavorando ad un sistema completamente diverso, che faccia un’analisi sui link più precisa: siamo ancora all’inizio del progetto, ma è molto eccitante. Abbiamo i primi dati e possiamo iniziare a lavorarci sopra per vedere cosa trarne”.

Questo è Matt Cutts in un video rilasciato oggi pomeriggio su YouTube, per il canale “Google Webmaster Help“. Sono dichiarazioni, quelle di Cutts, che completano un quadro sul quale egli stesso aveva posto tasselli interessanti nei giorni scorsi: su Twitter l’ingegnere di Mountain View aveva parlato del lancio, nelle prossime settimane, di una versione 2.0 del Penguin Update.

Riprendiamo le sue parole, con l’aiuto di Marco Quadrella.

A tal proposito: “Siamo molto vicini a lanciare un nuovo Penguin, pensiamo che possa andare più in profondità e che possa avere un impatto maggiore”, ha avvertito Cutts. “Stiamo anche guardando agli advertorial (contenuti, articoli a pagamento ndr). Non abbiamo nulla contro di loro, purché sia chiaro all’utente che quel contenuto è stato pagato”.

La panoramica è ampia e riguarda tutto ciò su cui il team di Google sta lavorando in queste settimane, per un lancio che probabilmente influenzerà l’estate dei SEO.

“Abbiamo avuto parecchi feedback che si lamentavano delle SERP: stiamo lavorando su due differenti aggiornamenti che provano a risolvere questi problemi in maniera diversa. Non posso andare nel dettaglio del loro funzionamento […] Se crei dei buoni contenuti, non avrai grossi problemi e non dovrai preoccuparti dei cambiamenti. Ma stiamo anche pensando ad una serie di maniere per aiutare i webmaster”.

Sull’autorevolezza delle persone sul web:

“Stiamo lavorando per capire meglio quando qualcuno è una sorta di autorità in un ambito. Può essere medico, turistico o qualsiasi altro. Chi verrà riconosciuto come autorevole dagli algoritmi, avrà posizionamenti migliori: pensiamo che i suoi contributi possano essere più adatti agli utenti”.

Non solo Penguin 2.0, anzi. Occhio a Panda.

“Stiamo anche cercando nuovi segnali per Panda, che siano in grado di limitare quell’area grigia fra lo spam e il non-spam. I prossimi aggiornamenti di Panda potrebbero quindi essere utili per chi è stato colpito marginalmente”.

La serie di cambiamenti e novità è davvero vasta.

“Ascoltando i feedback, cambieremo anche il modo di costruire le SERP: adesso se visualizzate un gruppo di risultati di un solo dominio in SERP, potete trovare altri gruppi del solito dominio nelle pagine successive. In futuro se già avete visto molti contenuti dello stesso dominio in una pagina, sarà meno probabile trovare altri risultati nelle pagine successive”.

Si parla anche di comunicazione tra Google ed i webmaster:

“Oltre che per i siti hackerati, miglioreremo le informazioni inviate ai webmaster anche in altre circostanze. Stiamo cercando di dare dettagli più concreti, più URL di esempio per far capire ai webmater cos’è successo ai loro siti. Ovviamente non ci sono certezze che tutto verrà implementato ed è possibile che vi siano molti cambiamenti, ma questo è quello che ragionevolmente c’è da aspettarsi nei prossimi mesi, nell’estate 2013”.

Ci sarà da divertirsi, dice Cutts.

“Credo che ci sarà da divertirsi perché stiamo vedendo un grosso miglioramento: chi usa tecniche spammose si posizionerà molto di meno, e al contempo aiuteremo molte piccole e medie imprese, ed i webmaster. È questo quello che vi dovete aspettare nei prossimi mesi in termini di SEO”.

Che ne pensate?

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su SEO Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave