E’ il giorno di Volunia


Volunia

Dicono sia il nuovo Google, made in Italy.

Per ora è Volunia e questo è il suo giorno. Il giorno della presentazione da parte di Massimo Marchiori, il 41enne matematico originario di Padova che ha scritto l’algoritmo di Google – il modello del PageRank -, che ora torna con il progetto Volunia, un nuovo motore di ricerca “davvero utile alla gente”, come sostiene lui stesso.

Il progetto è tenuto sotto chiave, ma lo sarà ancora per poco: questo è il giorno della presentazione ufficiale, in live streaming dall’Università di Padova e dunque visibile in tutto il mondo. L’appuntamento, per chi volesse seguire la presentazione in tempo reale, è in questa pagina a partire dalle 12:00.

Non si sa cosa Volunia sarà esattamente. Marchiori però ci tiene a precisare cosa non sarà: no ad un Google potenziato.

Certo, i principi saranno quelli che stanno tenendo banco a Mountain View da tempo: search e social. Anzi, “cerca e incontra“. Lo slogan di Volunia, perché “le due parole racchiudono e spiegano tutti i significati delle nuove capacità che entro cinque anni saranno normali funzioni di tutti i motori di ricerca, da Google a Yahoo”, ha spiegato lo stesso Marchiori al Corriere della Sera.

Qualcosa sulle funzioni di Volunia ha rivelato Il Sole 24 Ore con il suo Novà, che ha avuto l’opportunità di testare in anteprima il motore di ricerca made in Italy.“Fin da subito, aprendo Volunia, si percepisce la possibilità di vivere il web in un modo nuovo”, si legge nell’articolo.

Il web viene inteso come un luogo, dove l’utente può dunque trovare ciò che cerca. “Il web diventa un territorio vivo, da esplorare. Un cambio di prospettiva favorito dalla funzione “mappa”: per ogni sito, l’algoritmo di Volunia elabora una pianta «per guidare l’utente come farebbe un TomTom del web”, sostiene ancora il matematico padovano.

E poi c’è il lato sociale, “un forum alimentato dai messaggi e dalle discussione degli utenti che hanno visitato quel luogo. Persone con cui si condividono interessi, e con cui si può fare amicizia o avviare discussioni via chat. Nel rispetto delle politiche della privacy”. Il tutto senza raccogliere i dati di navigazione degli utenti, un impegno che rientrerebbe nella strategia aziendale.

Il lancio oggi, dunque. Ore 12:00 dall’Università di Padova, poi il via all’utilizzo da parte di oltre 100mila beta tester da tutto il mondo, che sapranno dirci di più.

Nel frattempo, potete già discutere del nuovo motore di ricerca italiano all’interno dell’apposita discussione nel Forum GT 🙂

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su SEO Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave